Cultura Jazz in Emilia-Romagna

La diversità è ricchezza

Lo scopo di Jazzer è la diffusione della cultura jazz attraverso un approccio il più ampio possibile, sul piano generazionale, linguistico e geografico.

La peculiarità espressiva del jazz affonda le radici nella pluralità e nella predisposizione all’ascolto, entrambe connaturate all’improvvisazione.

Jazzer diventa il punto di riferimento regionale, sia a livello di proposta artistica e reperimento di pubblico, che di partnership nella produzione e circuitazione.

Partendo da iniziative dalla già consolidata storia, dalle specifiche caratteristiche dei soggetti fondatori e andando a formare nuove tradizioni, si accresce il patrimonio culturale e sociale tipico di questa terra.

Jazz valley

Possiamo davvero dire che l'Emilia Romagna abbraccia nella sua storia tutti i generi musicali (musica pop, rock, jazz, classica, liscio) con protagonisti d'eccezione (cantautori, solisti, compositori, rocker, tenori, direttori d’orchestra)

L’Emilia-Romagna è stata la culla del jazz in Italia. Bologna, oggi riconosciuta Città UNESCO della Musica, è stata la prima città ad avere una rassegna jazz di livello internazionale, una tradizione che dagli anni Cinquanta è arrivata ai giorni nostri. Con l’altro storico festival Ravenna Jazz, la programmazione continuativa del Jazz Club Ferrara e l’estensione sul territorio che Crossroads ha raggiunto in oltre vent’anni di attività, si può affermare che l’Emilia-Romagna sia a pieno titolo la regione del jazz.

Creare un brand legato alla cultura del jazz in Regione appare quindi come un'opportunità di crescita e promozione, tanto per le produzioni originali emiliano-romagnole quanto per la valorizzazione della nostra storia.

Privacy Policy Cookie Policy